Cosa vedere vicino a Milano

Monumenti, natura e posti curiosi da visitare

Scopri i migliori posti da vedere durante i tuoi giri in bicicletta o le tue passeggiate

Quante volte durante le vostre passeggiate o i vostri giri in bicicletta siete passati vicino a monumenti, chiese o luoghi naturali senza sapere cosa sono o magari senza accorgervene nemmeno. In questa sezione, un po’ alla volta, raccoglieremo tutti i maggiori punti di interesse del territorio del Parco del Ticino, del Parco Agricolo Sud Milano e dei Navigli.

Chiesa Beata Vergine del Carmelo

Costruita intorno all’anno 1100 interamente in mattoni rossi come del resto tutte le altre costruzioni dell’epoca. La particolarità della Chiesa della Beata Vergine del Carmelo sta nella presenza di svariati elementi decorativi in cotto, ben visibili sulla facciata ma anche al suo interno.


Lanca Ayala

La Lanca Ayala è un’insenatura del fiume naturalmente protetta dalle correnti, essendo a pochi passi dalla città di Vigevano viene utilizzata come darsena per l’ormeggio di piccole imbarcazioni per la navigazione sul fiume. Ricavata da una ex cava ormai in disuso da
molti anni è circondata da aree agricole sul lato opposto alla sponda
del fiume, dai boschi del Parco del Ticino sull’altro lato e funge da
punto di ritrovo per gli amanti della natura degli abitati circostanti.

SCOPRI I PERCORSI PER VEDERE LA LANCA AYALA


L'Abbazia di Morimondo

L'abbazia di Morimondo venne fondata nel 1134 da monaci provenienti dalla casa madre di Morimond in Francia e fu la prima abbazia cistercense costruita in Lombardia. Da allora l’intera struttura è rimasta pressoché invariata nel corso dei secoli e, anche grazie a lei, il borgo di Morimondo è inserito oggi nella lista dei borghi più belli d’Italia.

SCOPRI I PERCORSI PER VEDERE L'ABBAZIA DI MORIMONDO


Il lago Mulino di Cusico

Risultato delle attività estrattive per lungo tempo è rimasto abbandonato, fino al innescarsi di processi di rinaturalizzazione delle sue rive portandolo a diventare un'importante zona di ricovero per le diverse specie animali che sfruttano il bosco che circonda il lago per le loro necessità.


Chiesa di S. Giorgio a Fallavecchia

Piccola chiesa, edificata subito dopo l'abbazia di Morimondo, intorno al 1200, ha subito nei secoli molti rimaneggiamenti utilizzando più stili, a seconda dell’epoca, che ne hanno stravolto l'originario aspetto, il campanile a cipolla è infatti stato aggiunto solo nel '700.

SCOPRI I PERCORSI PER VEDERE IL BORGO DI FALLAVECCHIA


La Chiesa di San Marchetto

La storia narra che durante l'aratura del campo i buoi si fermarono nel punto dove ora sorge la chiesa rifiutandosi di continuare il lavoro, scavando in quel punto venne ritrovato un crocefisso in legno che ancora oggi è conservato all'interno dell'edificio. In primavera, durante la semina del riso i campi circostanti alla chiesa vengono completamente allagati creando così un paesaggio molto suggestivo

SCOPRI I PERCORSI PER VEDERE LA CHIESA DI SAN MARCHETTO


I guardiani dell'acqua

I custodi delle acque, regolavano la navigazione e si occupavano della manutenzione del tratto del Naviglio a loro assegnato segnalando eventuali malfunzionamenti delle conche o erosioni delle rive e dei fondali. Sul Naviglio Pavese quasi ogni conca aveva un custode a cui veniva assegnata un apposita abitazione


Chiesa di Sant'Antonio Abate di Bereguardo

Costruita nella seconda metà del 1700, sorge sui resti di un’altra chiesa quattrocentesca voluta dai Visconti che all’epoca versava in pessime condizioni. A ridosso dello scoppio della Prima Guerra Mondiale l’intero edificio fu dichiarato monumento nazionale ma il conflitto ne impedì di fatto la ristrutturazione fino al ritorno della pace.


Villa Gaia Gandini

Proprio per la sua struttura elegante e ricca di decori è sempre stata utilizzata dai nobili dell’epoca come residenza di villeggiatura. Il nome “Villa Gaia” venne attribuito alla fine del quattrocento in quanto luogo di divertimenti di
Ludovico il Moro che la sfruttò come residenza di caccia.

SCOPRI I PERCORSI PER VEDERE VILLA GAIA GANDINI


Antico guado naviglio di Bereguardo

Una curiosità poco menzionata ma di fatto unica del Naviglio di Bereguardo è la possibilità di guadare le sue acque, all'altezza di Motta Visconti infatti, per un breve tratto gli argini del naviglio si abbassano permettendo ai mezzi agricoli delle cascine di passare da una sponda all’altra.


Cascina Grande

Siamo a Gaggiano, territorio estremamente fertile grazie alle acque del Naviglio, dove già nel Medioevo erano presenti insediamenti agricoli creati dai Benedettini e i Certosini e dove ancora oggi con le sue 32 cascine è evidente la vocazione agricola del luogo. La Cascina Grande risale al 1860 circa, con la sua tipica struttura lombarda caratterizzata da ampi fabbricati racchiusi in quattro mura è una delle strutture architettoniche rurali meglio conservate a Sud di Milano e dove (su prenotazione) si può anche visitare un piccolo museo agricolo . Il territorio circostante, ricco di itinerari ciclabili, si presenta a delle piacevolissime gite adatte a tutti, famiglie comprese.

SCOPRI I PERCORSI PER VEDERE LA CASCINA GRANDE


Il ponte delle barche

Generalmente ponti di questo tipo sono temporanei, ma possono
anche venire utilizzati per periodi più lunghi o in modo permanente,
inoltre tali tipologie di ponti sono rimovibili per il passaggio di
imbarcazioni e facilmente spostabili. La particolarità ingegneristica
dei ponti di barche è il fatto che, quando il livello delle acque sale,
anche il ponte sale con esso.


Palazzo Galloni

Palazzo del ‘600 che si affaccia direttamente sul Naviglio Grande, il suo aspetto malandato ed in evidente stato di abbandono nasconde invece al suo interno un cortile che lascia sorpresi i visitatori che da li possono vedere il corpo principale del palazzo con le sue alte mura ricoperte di piante rampicanti e glicini.

SCOPRI I PERCORSI PER VEDERE PALAZZO GALLONI


Palazzo Stampa

Le origini di questo imponente palazzo alle porte di Abbiategrasso sono poco note, le prime tracce documentate si hanno nel 1697. Fu uno dei luoghi di ritrovo per chi combatteva per unire l’Italia e durante la II Guerra Mondiale venne utilizzato come rifugio sicuro per sfuggire alla cattura dei tedeschi.


Museo e cascina Salterio

Siamo nel comune di Moirago, all'altezza della quarta conca del
Naviglio Pavese dove già nel 1300 sorgeva il podere che avrebbe poi
preso, nel 1800, il nome Salterio dalla famiglia che la acquistò. Tutta
la struttura è un vero e proprio villaggio agricolo che comprende gli
alloggi dei salariati, la villa Salterio, le stalle oggi sede del Museo
Salterio e sull'altra sponda del naviglio asilo, elementari e il cimitero.


Conca di Basiano

Delle 11 conche costruite lungo il percorso del naviglio si mantengono ancora in buono stato la pavimentazione e alcune parti in muratura, dettaglio non trascurabile se si pensa che sono state costruite quasi 4 secoli fa. In particolare la Conca di Basiano è l’unica che conserva ancora entrambe le porte per regolare il flusso d’acqua.


Chiesa di Santa Maria del Dosso

Una leggenda racconta di un contadino che si trovava ad arare i campi, ad un tratto i buoi si fermarono e si inginocchiano. Scavando compare un pezzo di muro col disegno della Madonna. Le persone portarono il ritrovamento alla chiesa del paese ma, per ben tre volte
l'immagine della Madonna fu ritrovata sepolta nello stesso punto.